Progetto Vita

La dotazione del defibrillatore ai Corpi dei Vigili Urbani, dei Carabinieri, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e di tanti laici addestrati e coordinati dal SSUEm 118 Brianza.



Nel nostro paese ogni anno oltre 40.000 persone sono vittime di morte improvvisa da arresto cardiaco, nella maggior parte dei casi “defibrillabile” con l’uso di un Defibrillatore Semiautomatico DAE. L’intervento tuttavia per essere efficace deve verificarsi entro i primi 5 minuti, tempo difficilmente realizzabile dal Sistema di Emergenza Medica 1.1.8. con i suoi mezzi. Nei paesi occidentali si sviluppa il Pubblico Accesso alla Defibrillazione (PAD) per potere realizzare l’intervento più precocemente, in attesa dell’arrivo dell’ambulanza, con l’impegno di “first responders” addestrati ed autorizzati. Aumenta così la percentuale di sopravvivenza delle vittime di arresto cardiaco.

Gli obiettivi

  • Realizzare una rete di Defibrillatori Semiautomatici DAE distribuiti sul territorio di Monza e Brianza per la defibrillazione precoce.
  • Addestrare alla rianimazione cardiopolmonare (RCP) e all’uso del DAE i “primi a rispondere”, rappresentati dalle forze dell’ordine (polizia, carabinieri, vigili urbani), dai servizi di sicurezza (vigili del fuoco, protezione civile).
  • Integrare il PAD nel Sistema di Soccorso Sanitario Urgenza Emergenza 1.1.8. Brianza (SSUEm 1.1.8.).


La timeline del progetto

>> Visualizza elenco
Progetto in realizzazione dal 2000 .

Alcuni numeri

Nel corso di questo progetto fino ad oggi:

38 defibrillatori
collocati sul territorio.
7 DAE per laici
31 DAE in altri posti

250 FIRST RESPONDER addestrati
nei nostri corsi:
1 corsi BLSD per le Aziende, 5 addestrati.
24 corsi BLSD per laici, 245 addestrati.